ricerca avanzata
tonalità / materiali
Tonalità selezionate (max 3):
tonalità / materiali
Tonalità selezionate (max 3):
indietro

FERRUCCIO LAVIANI

Nato a Cremona nel 1960, si diploma nel 1978 presso l’ Istituto Professionale Internazionale per l’Artigianato Liutario e del Legno di Cremona. Frequenta la Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano dove segue i corsi di Achille Castiglioni e Marco Zanuso, laureandosi nel 1986. Parallelamente e’ allievo della scuola privata Politecnico di Design di Milano dove consegue il diploma nel 1984.

Nel 1983, inizia a lavorare presso lo Studio De Lucchi divenendone socio nel 1986 fino al 1991, anno in cui decide di aprire il proprio Studio a Milano. Si occupa di design, interior design, art direction e grafica.Dal 1991 e’ Art Director di Kartell, ruolo che negli anni, ha ricoperto per altre aziende come Flos, De Padova, Foscarini, Moroso, Society (Limonta), Emmemobili.

Ha progettato spazi commerciali e allestimenti ma anche uffici e residenze, per clienti privati e marchi dell’arredamento e della moda come Cassina, Dolce e Gabbana, Dada – Molteni & C., Barovier & Toso, Piper- Heidsieck, Missoni, Citroen, Hansgrohe, Martini e Rossi , Swarovsky, Veuve Cliquot, Hennessy, Marazzi Group, La Rinascente, Piombo, Ermenegildo Zegna, Renault, Haworth, Emilio Pucci, Zara, Habitat.

I suoi prodotti sono nelle collezioni di aziende di design come Kartell, Foscarini, Dada – Molteni, Emmemobili, Moroso, UnoPiù, Lema, Poltrona Frau, Fontana Arte, F.lli Boffi, Bisazza, Richard Ginori, Laufen, Citco, Ragno-Marazzi Group, Memphis, Driade, Panasonic, Pelikan.

Una mostra dedicata alle lampade disegnate per Kartell e’ stata allestita nel 2008, presso il teatro Metropol di Milano. Due di queste lampade, Bourgie e Take, sono nella collezione permanente dell’ IMA, Indianapolis Museum of Art (USA); altri prodotti sono stati esposti in musei e mostre nel mondo.

Nel 2015 sviluppa il nuovo concept  per il museo Kartell di Noviglio, aggiornando il progetto d’interni che aveva ideato nel1999 e che ha vinto il Premio Guggenheim Impresa & Cultura 2000, come miglior museo d’ impresa.